Gma irriconoscibile, contro lo Stabia arriva il primo ko stagionale!


BARRY STEVENS, PLAY DELLA VIRTUS POZZUOLI

BARRY STEVENS, PLAY DELLA VIRTUS POZZUOLI

La Virtus Pozzuoli perde una gara che aveva ripreso per i capelli al 40′ giocando un overtime in maniera scellerata segnando solo 3 punti contro gli 11 della Pall. Stabia. Una squadra quella allenata da coach Mauro Serpico irriconoscibile e lontana parente di quella vista nelle prime nove giornate di campionato. Una difesa inesistente, percentuali glaciali al tiro (5/17 da 3 e 26/79 totali), sotto le plance la squadra stabiese ha dominato con 60 rimbalzi conquistati di cui 26 del coulured Adegoke. Ma soprattutto è mancato il gruppo, quel gruppo che ha contraddistinto questa prima parte di stagione dei puteolani. Non basta la discreta prova di Stevens in regia (26 punti, 6 rimbalzi e 18 di valutazione). Ma per il resto tutto è andato storto. Harney, fuori dai giochi, e spesse volte trova in maniera fortunosa tiri sia nel pitturato che dal perimetro. Orsini e Orefice in giornata negativissima, il secondo con un 0/11 al tiro. Errico ha si catturato 16 rimbalzi ma in attacco non è stato lucido come sempre. L’assenza di Loncarevic sotto i tabelloni si è vista. Il baby Mehmedoviq ha cercato di fare il suo ma nella giornata storta anche la sua prova non è stata convincente. Arriva, quindi, la prima battuta d’arresto per i bianco-granata. Un ko su cui ora bisognerà rimboccarsi le maniche per riprendere la strada del successo. Il match già dalle prime battute mostra che sarà equilibrato con Stabia che grazie ai canestri di Adegoke chiude avanti di uno al 10′ (22-23). Alla ripresa del gioco Pozzuoli si sveglia e piazza un break di 23-11 che le consente di chiudere a +11 a metà partita (45-34) grazie soprattutto a Stevens. Ma è nel terzo periodo che i flegrei hanno un vero e proprio black out segnando 4 punti in dieci minuti. Lo Stabia risucchia punti e si porta a -2 al 30′ (49-47). Nel quarto periodo gli ospiti sospinti da Houston attuano il sorpasso con i flegrei che sono comunque in scia. A 25″2′ il punteggio è di 62-66 con il match ormai compromesso ma Pozzuoli ci mette il cuore e riesce ad impattare e a allungare la sfida all’overtime. Poi, nel supplementare il rovescio della medaglia: la Gma ritorna nell’anonimato e Stabia vince con merito.

GMA POZZUOLI 69 – PALL. STABIA 77 d1ts

Gma Pozzuoli: Harney 25, Stevens 23, Orefice, Longobardi 5, Loncarevic ne, Markovic ne, Errico 5, De Rosa, Orsini 11, Esposito ne, Mehmedoviq, Conforto ne. All. Serpico

Pall. Stabia: Chirico 10, Del Sorbo, Adegoke 18, Ottone ne, Salvatore 2, Mascolo 7, Donnarumma 7, Marino, Balestrieri 7, Houston 26, Cacace ne, Morrone ne. All. Monteleone

Arbitri: Marino – Bernardo

NOTE

Tiri da 2: Pozzuoli 21/49 – Stabia 25/54

Tiri da 3: Pozzuoli 5/30 – Stabia 25/54

Tiri liberi: Pozzuoli 12/18 – Stabia 6/13

Rimbalzi: Pozzuoli 47 (Errico 16) – Stabia 60 (Adegoke 26)

Palle perse: Pozzuoli 10 – Stabia 23

Palle recuperate: Pozzuoli 26 – Stabia 12

Valutazione: Pozzuoli 83 (Harney 27) – Stabia 69 (Adegoke 37)